Materiali per il piercing: il titanio

loading...

Il titanio è il materiale ideale per il piercing e, di conseguenza, per la nostra salute. Vi sono uomini e donne che proprio per non incorrere in una fastidiosa infiammazione, scelgono di indossare unicamente questo metallo. In commercio, in realtà, esistono vari materiali con cui vengono costruiti i gioiellini da infilare nelle differenti body modification, ma gli esperti del settore dichiarano che il titanio dovrebbe essere adoperato più spesso di tutti gli altri.

Ecco un chiaro esempio di piercing realizzato con il titanio. Questo anellino viene posizionato al naso.

Scopriamo, allora, insieme quali sono i numerosi vantaggi del titanio.

Leggero, resistente, duraturo nel tempo ed ancora, quello che più ci interessa, anallergico: queste sono le principali caratteristiche del titanio. Un piercing realizzato con tale materiale non provoca infezioni come può fare, ad esempio, il rame. Non contiene in alcun modo il nickel noto per essere molto pericoloso per la salute umana e responsabile principale di tantissime infiammazioni. Perché i giovani non adoperano il titanio al posto del nickel? Il più delle volte capita che i ragazzi preferiscano rischiare in quanto sono portati ad acquistare qualcosa di più economico. Il titanio in questione ha, infatti, un costo decisamente maggiore. A questo punto si suggerisce di comprare pochi piercing, ma di ottima qualità. Nel corso di una guarigione, ad esempio, i professionisti sottolineano il bisogno di adoperare proprio il titanio.

La foto mette in evidenza un’infiammazione presente sulla lingua. Questa zona è molto delicata, per questo motivo è fondamentale applicare sempre un gioiellino in titanio in modo da allontanare probabili infezioni.

Pulizia di un piercing realizzato con il titanio.

Un gioiello costruito con il titanio è anche facile da pulire in modo perfetto. Basterà adoperare correttamente un prodotto antibatterico. La pulizia deve essere fatta quotidianamente e deve riguardare, al di là di tutto, non solo il metallo in sé, ma anche il forellino e la parte attorno ad esso. Un gioiellino ben igienizzato deve essere sempre immesso in un buco pulito. E’ bene ricordarsi, tra le altre cose, che qualsiasi tipo di piercing deve essere anche asciugato per bene con un tessuto sterile, magari in cotone puro al 100%, prima di essere nuovamente applicato.

Ecco un altro esempio di piercing in titanio. Questo materiale è perfetto per essere adoperato in qualsiasi parte non solo del viso, ma anche del corpo.

Nonostante il piercing in titanio non provochi reazioni allergiche è importante rispettare delle norme igieniche principali come, ad esempio, quella di non stuzzicare il gioiellino con mani sporche. Quest’ultime, infatti, come ben sappiamo, sono portatrici di batteri.

Attenzione a non toccare qualsiasi tipo di piercing con mani sporche.

In questo caso, dunque, poco importa se il nostro piercing è in titanio l’infiammazione si scatenerà inevitabilmente per altri fattori.

Esempi di piercing in titanio. Questi modelli sono molto sfruttati dai giovani, piace molto il diamantino colorato.

In commercio esistono innumerevoli piercing in titanio. Su internet anche è possibile acquistare un gioiellino realizzato con questo specifico metallo. Esistono varie forme e dimensioni. Tra le curiosità, sappiamo che il colore del titanio può variare: vi è, infatti, quello che si avvicina all’argento e quello che rimanda all’oro. Molto gettonato è anche il colore nero.

Nella foto si evidenzia un body piercing in titanio. Appare nero, ma il colore del metallo in questione può anche essere simile all’oro o all’argento.

Si suggerisce di non adoperare il piercing in titanio quando si fa sport. La ragione è davvero semplice: essendo un materiale particolarmente rigido potrebbe in occasione di un allenamento rimanere incastrato in una maglietta e dare vita ad un trauma come uno strappo molto doloroso.

Ecco un esempio di piercing in titanio. Tanti anellini realizzati in molteplici colori.
loading...