Piercing con Flesh Tunnel (estensore all’orecchio): consigli, info, foto e immagini con vario calibro

loading...

Che cos’è un piercing con Flesh Tunnel? A che cosa ci riferiamo nello specifico? Di seguito vi offriamo una guida completa per avere maggiori ed utili informazioni sull’argomento. Vi diciamo subito che il piercing con flesh tunnel sta destando sempre più curiosità tra i giovani e rimanda ad un gioiello molto particolare ed accattivante. Il mondo degli adolescenti va pazzo per questo tipo di piercing.

Il posto migliore per posizionarlo è sicuramente il lobo dell’orecchio, ma sempre più questo gioiellino viene indossato in altre parti del corpo. C’è, ad esempio, chi lo mette sul viso e chi addirittura al naso. Questi ultimi casi potrebbero in alcuni casi dare fastidio proprio alla vista, in quanto sono davvero scioccanti. Il termine del piercing serve a rappresentare in modo figurativo il gioiello, che appare un vero e proprio tunnel. E’, comunque, una sorta di estensore del buco.

Un esempio molto carino di piercing con flesh tunnel.

Quali sono i rischi per chi decide di realizzare un piercing con Flesh Tunnel?

Diciamo che i rischi non sono in realtà poi così diversi da quelli di tutti gli altri piercing. E’ importante, anche in questo caso, farsi realizzare il foro da massimi esperti del settore. Professionisti, dunque, che operano in uno studio a norma di legge, con strumenti ovviamente sterili.

E’ fondamentale farsi realizzare un piercing con flesh tunnel da un esperto del settore che adoperi strumenti nuovi e sterili.
Esistono dei piercing con flesh tunnel trasparenti molto impressionanti. Sottolineano, forse più degli altri, la presenza e l’estensione del foro.
Nella foto si mostra un momento in cui un piercir realizza un piercing con flesh tunnel.
Piercing con un flesh tunnel elegante e ricco di brillantini.

Per non incorrere in rossori, infiammazioni o ancora in serie infezioni, è bene farsi consigliare dal piercer anche sul tipo di materiale da adoperare. In commercio esistono gioielli in metallo, in plastica ed ancora in gomma ed in legno. Quest’ultimo materiale è sicuramente quello meno indicato per i suoi innumerevoli svantaggi. Primo fra tutti la sua capacità ad assorbire facilmente ed in modo rapido i liquidi dilatandosi senza pietà. In più un gioiello in legno, in generale, è forse anche quello più difficile da disinfettare, non potendo, tra le altre cose, essere pulito in autoclave. Proprio per queste ragioni sarebbe meglio, soprattutto per il Flesh Tunnel, servirsi di materiali come il titanio e l’acciaio chirurgico. Soprattutto in caso di infezioni in atto è bene evitare tutto ciò che è formato con nichel.

Esempio di piercing con flesh tunnel realizzato in legno. Sicuramente sono quelli maggiormente da evitare.
Il piercing con flesh tunnel piace molto non solo alle ragazze, ma anche ai ragazzi. E’ fondamentale scegliere sempre il materiale adatto onde evitare inutili infezioni.
Ecco un chiaro esempio di piercing con flesh tunnel dal calibro importante. Più le misure di questi gioiellini sono grandi più è necessaria cura ed attenzione nella loro igiene.

E’ bene pulire questo tipo di estensore con la massima cura ed attenzione in modo approfondito e quotidiano. Tra i suggerimenti: tenere sempre in casa una semplice, ma efficace soluzione salina. Può capitare soprattutto se non si disinfetta il buco in modo assiduo, di avvertire una puzza fastidiosa. Se ciò dovesse accadere vuol dire che vi sono attorno al vostro foro dei residui organici da rimuovere subito onde evitare altri tipi di problemi.

Piercing con Flesh Tunnel: quale calibro scegliere?

I calibri per un piercing con Flesh Tunnel sono differenti, ma il più delle volte chi sceglie di indossare questo tipo di gioiello non bada a misure prediligendo soprattutto quello di circa 2 centimetri. Tra le curiosità è bene ricordare che questo tipo di piercing non va usato come un dilatatore.

Ecco un esempio di più piercing con flesh tunnel dal calibro differente.
loading...